Indietro

Umanesimo romano - letteratura. Per umanesimo romano si intende la declinazione geografica dellumanesimo presso la Curia romana nel corso del XV secolo. Cara ..



                                     

Umanesimo romano

Per umanesimo romano si intende la declinazione geografica dellumanesimo presso la Curia romana nel corso del XV secolo. Caratterizzato da un marcato cosmopolitismo, lumanesimo romano vide la sua acme culturale a metà del 400, sotto i pontificati di Niccolò V e di Pio II, allorquando umanisti del calibro di Lorenzo Valla, Poggio Bracciolini, Nicola Cusano e Leon Battista Alberti vissero nella città di Roma.

                                     

1. Le origini: da Innocenzo VII a Martino V

Con il ritorno, dopo il 1378, del Papato a Roma, la città eterna riprende il suo status di città cosmopolita e aperta al rinnovamento politico-culturale. Sotto Innocenzo VII 1404-1406 fu fondata, sul modello fiorentino, una cattedra di greco allUniversità di Roma bolla Ad exaltationem, 1º settembre 1406, che nel contempo fu rinnovata dopo decenni di decadenza. Papa Innocenzo, supportato in questo progetto da Leonardo Bruni e dalla presenza di alcuni protoumanisti Francesco da Fiano e Cencio de Rossi intendeva ridare lustro e prestigio alla potenza politica e spirituale di Roma, contrastata da quella antagonista di Avignone, connettendola con il nascente pensiero umanista: legare la cultura al potere voleva dire rafforzare le ragioni della Sede Apostolica nella tempesta del Grande Scisma dOccidente 1378-1417.

                                     

2. Il pontificato di Eugenio IV

Il pontificato del veneziano Gabriele Condulmer 1431-1447 vide lintensificarsi della cultura umanistica da parte della Curia romana. Eugenio IV riprese la politica di Innocenzo VII, orientando lo Studium romano ancor di più verso lideologia umanistica. In tal senso, il pontefice veneziano chiamò a Roma umanisti da tutte le parti di Italia, dando allumanesimo romano quel volto cosmopolita che lo contraddistinguerà per tutto il secolo. Tra questi, spiccarono per importanza e significato Poggio Bracciolini, Maffeo Vegio e Biondo Flavio.

                                     

2.1. Il pontificato di Eugenio IV Poggio Bracciolini

Poggio Bracciolini 1380-1459, nativo di Terranuova, ebbe una vita lunga e avventurosa. Formatosi a Firenze presso Salutati, divenne segretario, come lamico Bruni, dellantipapa Giovanni XXIII. A differenza dellamico, però, scappò Rientrato a Roma nel 1423 nuovamente come segretario apostolico, Poggio vi rimarrà per i successivi trentanni, mantenendo un ruolo di prestigio fino allarrivo del giovane Lorenzo Valla, col quale avrà una violenta disputa. Accettato nel 1453 il posto di cancelliere della repubblica di Firenze alla morte di Carlo Marsuppini, Poggio si ritirerà dalla carica cinque anni dopo, lasciandola a Benedetto Accolti e morendo lanno seguente.

Poggio Bracciolini è ricordato, principalmente, per essere stato il più significativo ricercatore e scopritore di classici dellintero XV secolo, e per essere stato uno dei più significativi epistolografi tra i suoi contemporanei, donando ai posteri numerosissime informazioni riguardanti i viaggi, le scoperte filologiche le impressioni sui principali eventi che egli visse in prima persona come il celebre episodio della condanna al rogo di Girolamo da Praga.



                                     

2.2. Il pontificato di Eugenio IV Maffeo Vegio

Il lodigiano Maffeo Vegio 1406-1450 era scriptor e datarius sotto Eugenio IV. In qualità di burocrate e poi canonico pontificio, Vegio scrisse opere celebranti la grandiosità della sede di Roma, tramite uno stile accattivante e una narrazione vivace. Ne è esempio lopera De rebus antiquis memorabilibus Basilicae Sancti Petri Romae, ove si celebra limportanza della basilica di San Pietro in quanto sede della cristianità e sorta sulle rovine del circo di Nerone vittoria cristianesimo su paganesimo.

                                     

2.3. Il pontificato di Eugenio IV Flavio Biondo

Nato a Forlì nel 1392, Flavio Biondo fu il prototipo dellumanista cosmopolita: entrato prima al servizio degli Ordelaffi, signori della sua città natale, passò poi per un breve periodo al servizio della Serenissima, per approdare definitivamente a Roma quale segretario particolare di Eugenio IV. Il papa gli affidò il compito di redigere latto di unione tra Chiesa Cattolica e Chiesa Ortodossa del 1439 e la scomunica nei confronti del Concilio secessionista di Basilea. Entrato in disgrazia sotto Niccolò V, Biondo prestò servizio presso Alfonso di Napoli. Rientrato in auge sotto lamico umanista Enea Silvio Piccolomini eletto papa col nome di Pio II, Biondo morirà a Roma nel 1463, senza aver acquisito di nuovo la potenza di un tempo.

Limportanza di Flavio Biondo allinterno dellumanesimo rinascimentale è dovuta alleccellenza metodologica e allimpegno che riversò nella storiografia. Biondo Flavio, quando era segretario di Eugenio IV, maturò le Historiarum ab inclinatione Romani imperii Decades, opera storiografica che si contrappose alle Historiae florintini populis di Leonardo Bruni per motivazioni ideologiche e metodologiche. Nelle Historiarum, infatti, Biondo intendeva individuare sia le reali cause della decadenza di Roma, sia trattare levoluzione della storia dellintera penisola italiana tematica espressa ne Italia Illustrata, opera concepita tramite le fonti e testimonianze ricevute da amici di ogni regione dItalia. Ideatore del concetto di medias aetas, cioè quelletà "di mezzo" che stava tra gli antichi e i loro successori ideali gli umanisti stessi, Biondo Flavio si dedicò a esaltare Roma antica Roma Instaurata, 1446 non in funzione meramente municipale, ma in chiave universale: Roma, sede del Papato, ha un valore universale per il suo prestigio spirituale ed è lerede dellantico impero romano. Dello stesso tono sono l Italia Illustrata e la Roma Triumphans.

Limpegno di Biondo non si esaurì nella storiografia: significativa fu infatti la disputa che ebbe con Leonardo Bruni riguardo levoluzione della lingua latina. Infatti, lumanista forlivese si oppose alla teoria di Leonardo Bruni secondo la quale il latino subì dal proprio interno corruzioni e mutazioni che portarono alla nascita del volgare, sostenendo al contrario che la causa fu laggressione esterna dei popoli longobardi.

                                     

3. Tra Niccolò V 1447-1455 e Pio II 1458-1463: lacme culturale

Lumanesimo romano toccò il proprio vertice con Niccolò V, lui stesso umanista, e poi con Pio II. Papa Niccolò, al secolo Tommaso Parentucelli, era un appassionato bibliofilo e uomo devoto che riuniva in sé lamore per gli studia humanitatis e la devozione religiosa. La politica culturale del pontefice si condensava nel motto" renovatio urbis”, che prevedeva una ristrutturazione urbanistica della città in unottica celebrativa della sede del cristianesimo romano, uscito da poco tempo dalla parabola conciliarista, e nella fondazione Biblioteca apostolica vaticana. Nel contempo, Niccolò intensificò il carattere cosmopolita dellumanesimo romano, chiamando a parteciparvi umanisti fiorentini Leon Battista Alberti, chiamato Giannozzo Manetti e lombardi Pier Candido Decembrio, il più significativo esponente dellumanesimo lombardo a quellepoca in esilio da Milano per i cattivi rapporti con Francesco Sforza da un lato, e da parte di alcuni prelati greci quali il cardinal Bessarione.

Il Bessarione, il cui ruolo di recupero dei classici greci dopo la caduta di Costantinopoli fu di fondamentale importanza per la cultura occidentale, non era il solo alto prelato dotato di uneccellente cultura umanistica. Due suoi colleghi nel Sacro Collegio, Niccolò Cusano 1400/1401-1461 ed Enea Silvio Piccolomini, furono tra i principali esponenti dellumanesimo europeo. Il primo, filosofo e teologo tedesco, è ricordato soprattutto per il suo pensiero riguardo lesistenza di Dio, pensiero che si orientò verso una" teologia negativa” per cui luomo non può conoscere Dio completamente, in quanto creatura limitata rispetto allimmensità divina, come esposto nella De docta ignorantia.

Il senese Enea Silvio Piccolomini fu eletto pontefice dopo il breve pontificato di Callisto III 1455-1458. Uomo dai molteplici interessi, pregevole poeta di elegie amorose dal sapore tibulliano riordinate poi nella raccolta Cinthia e della novella latina Historia de duobus amantibus, il futuro Pio II si contraddistinse anche quale politologo ecclesiastico, pedagogo sulla scia dellinsegnamento di stampo umanistico promosso da Guarino Veronese e da Vittorino da Feltre e, da papa 1458-1464, autore dei Commentari, biografia autocelebrativa basata sullo stile dei commentarii cesariani. Pio II, dal punto di vista della politica culturale limitò la grandiosità progettuale di Niccolò V per concentrarsi su questioni politiche più concrete e urgenti, quali la crociata contro i Turchi ottomani. Nonostante ciò, anchegli offrì protezione come nel caso di Biondo Flavio e amicizia a vari umanisti, tra i quali si ricordano: Porcellio Pandione, autore del De felicitate temporum divi Pii II pontificis maximi ; Bartolomeo Sacchi, detto il Platina, chiamato a dirigere la Biblioteca apostolica vaticana; e Giannantonio Campano 1429-1477, fedele consigliere di Pio II, rivide i Commentarii del Pontefice ne scrisse una biografia postuma.



                                     

4. Da Paolo II ad Alessandro VI: lesaurimento dellumanesimo romano

Dopo la morte di Pio II, iniziò la crisi della parabola umanistica a Roma. I pontefici, infatti, non avranno più lo stesso entusiasmo nei confronti della cultura umanistica, o al limite la proteggeranno considerandola come un fattore culturale acquisito. Il successore di Pio II, il veneziano Paolo II 1464-1471 si inimicò profondamente il circolo degli umanisti sopprimendo il collegio degli abbreviatori apostolici e incarcerando, sotto accusa di lesa maestà, il Platina per diversi mesi in Castel SantAngelo. Nonostante questi cupi avvenimenti, il pontificato di Paolo II vide la creazione, in Roma, della prima stamperia a caratteri mobili per opera di Giannantonio Campano, favorendo così la diffusione dei libri presso i circoli intellettuali romani.

Nei trentanni successivi la morte di Paolo II, lumanesimo romano, come a Firenze e in altri centri culturali della Penisola, esaurì la spinta propositiva della prima metà del secolo, riducendosi a puro e semplice spirito di ornamento esteriore del potere papale. Lunico centro ancora in parte autonomo dalla Curia, dopo la dispersione degli eruditi greci in seguito alla morte del cardinal Bessarione 1472, fu quello che si riunì intorno al patrizio romano Pomponio Leto 1428-1497, docente alluniversità di Roma tra i pontificati di Paolo II e di Alessandro VI, fondatore dellAccademia Pontoniana e personalità assai stimata per il suo carattere integerrimo e per lamicizia che dimostrava nei rapporti umani.

Anche gli utenti hanno cercato:

romano, Umanesimo, Umanesimo romano, umanesimo romano, letteratura. umanesimo romano,

...

Abbamonte giancarlo a.it.

Acquista il libro Erasmo e lumanesimo romano di Luca DAscia in offerta lo trovi online a prezzi scontati su La Feltrinelli. Roberto Rossellini. Arte e scienza dellUmanesimo. Nulla si può dire degli italiani senza riferirsi ai romani. In particolare, all​umanesimo romano. Essi ponevano al centro della civiltà lUomo e la. La cultura dellUmanesimo. Dallimpero romano allumanesimo. Casa editrice: Garzanti. Anno di stampa: 1990. pagg. 507 23 cm. Codice Dewey: 792.09 STO. Armadio: Categoria: 700.


Umanesimo e religione Homolaicus.

Lincontro fra lUmanesimo e la Chiesa non fu proficuo. Chi gliela aveva data, la chiesa, intendeva riproporre limpero romano con laggiunta della cristianità. Paolo spinoso e l umanesimo romano nel secondo qua Mirabile. Storia dellUmanesimo: definizione e caratteristiche del fenomeno culturale ispirato culturale fu la riscoperta della cultura dellantichità classica greco ​romana.


Erasmo e LUmanesimo itaLiano UniBa.

Sto lesistenza di una linea apuleiana anche allinterno dellumanesimo romano. 29. Erasmus, De recta latini graecique sermonis pronuntiatione, ed. DASCIA Luca Scuola Normale Superiore. Sito ufficiale delle Edizioni di Storia e Letteratura, casa editrice di cultura fondata nel 1943 e attiva su diversi fronti di ricerca umanistica, dalla storia alla filologia,. Riviste ditalianistica nel mondo Italinemo. Delle rovine che ne custodivano la memoria, della poesia e delleloquenza classica che ne attestavano la perfezione, lumanesimo romano si esauriva quindi.





Erasmo e lumanesimo romano DAscia Luca 9788822238832.

9788846734716 Diligentissimi uocabulorum perscrutatores Giancarlo Abbamonte Nella seconda metà del Quattrocento, lUmanesimo romano ha prodotto. Continuità ARQ Religione Romana. Persino la Chiesa mostra di apprezzare la cultura dellantichità greca e romana, e cerca di fare in modo che le idee caratteristiche dellUmanesimo non siano in.


Umanesimo nazionalista italiano Termometro Politico Forum.

Abstract: Viene ricostruita la figura dellumanista romano Paolo Spinoso, le cui composizioni poetiche, riconducibili con tutta probabilità a un arco cronologico. La Paideia degli Umanisti Libreria Aseq. DallAccademia Romana allAccademia di Danimarca a Roma umanesimo romano inteso in senso ampio, di quanti operavano nellUrbe si intreccia e si. Pdf Online Erasmo e lumanesimo romano. PAOLO SPINOSO E LUMANESIMO ROMANO NEL SECONDO QUATTROCENTO BIANCHI ROSSELLA, libri di BIANCHI ROSSELLA, STORIA E​.


Paolo Spinoso e lUmanesimo romano nel Arbor Sapientiae.

10 libri, culmini con la rassegna dei trionfi romani. Con la morte di pio II si chiude la fase espansiva dellumanesimo romano la cultura. Perché lUmanesimo laico borghese nasce dal cattolicesimo romano?. Erasmo e lumanesimo romano di DAscia, Luca su ISBN 10: 8822238834 ISBN 13: 9788822238832 Olschki 1991 Brossura.


Erasmo e lUmanesimo romano Casa editrice Leo S. Olschki.

La ricerca dei testi classici, lo studio del mondo greco e romano, la stessa indagine filologica non costituiscono laspetto essenziale dellumanesimo, ma ne​. On renaissance academies FloRe. Paolo Spinoso e lUmanesimo romano nel secondo quattrocento Rossella Bianchi. Gratis Pdf Erasmo e lumanesimo romano Retedem PDF. Spesso siamo portati a pensare che la nascita del pensiero laico borghese o umanistico rinascimentale sia avvenuta in contrasto con le idee.


Paolo Spinoso e lumanesimo romano nel secondo Libroco.

Umanesimo romano. Appunto di italiano che spiega come a Roma la cultura umanistica si sviluppa soprattutto nella Curia pontificia: di lì passarono Poggio,. Umanesimo e Humanities: il passato nel presente. Dai Romani ci è venuto dunque lordinamento dei rapporti pratici. Eugenio Garin, nel suo celebre libro LUmanesimo italiano, dice che fu Assisi a vincere. 9788822238832: Erasmo e lumanesimo romano AbeBooks D. Compra Paolo Spinoso e lumanesimo romano nel secondo Quattrocento. SPEDIZIONE GRATUITA su ordini idonei.


Angelo Sabino umanesimo romano Pio II Omero Unitus DSpace.

ROMANO GUARDINI. Premessa. Il tema che Don Maurizio mi ha assegnato è di quelli che fanno tremare le vene e i polsi. Parlare di umanesimo e o di. Avvenire Roma leonina, miserie e splendori San Francesco. Al Museo di Roma in Trastevere per conoscere lo spessore culturale del grande regista. Roberto Rossellini. Arte e scienza dellUmanesimo. LItalia tra rinascimento e umanesimo, culla della civiltà occidentale. Paolo Spinoso e lumanesimo romano nel secondo Quattrocento è un libro di Rossella Bianchi pubblicato da Storia e Letteratura nella collana Filologia.





Umanesimo ed Educazione. Il cammino verso il CNOS Scuola.

La continuità della tradizione romana classica dal Rinascimento ad oggi L​umanesimo romano rinascimentale assunse così una connotazione ciceroniana,​. Libro Erasmo e lumanesimo romano L. DAscia Leo S. Olschki. Da un lato lumanesimo è una dottrina che considera luomo come fine e come Il primo è quello di un umanesimo storicamente inteso, romano, che pone. Antonio Gargano: LUmanesimo italiano Iisf. Leggi il libro Erasmo e lumanesimo romano PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su cittadinip e trova altri libri di Luca.


Paolo Spinoso e lumanesimo romano nel secondo.

Paolo Spinoso e lumanesimo romano nel secondo Quattrocento, Libro di Rossella Bianchi. Sconto 4% e Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su. Rinascimento Romano. Mariangela Vilallonga, Rapporti tra umanesimo catalano e umanesimo romano. Angelo Mazzocco, Il rapporto tra gli umanisti italiani e gli. 9. EPILOGO STORIOGRAFICO Pagina 2 di 3 1088press. Compra Libro Paolo Spinoso e lumanesimo romano nel secondo Quattrocento di Rossella Bianchi edito da Storia e Letteratura nella collana Filologia.


Platina, Bartolomeo Sacchi, detto il in Enciclopedia machiavelliana.

Paolo Spinoso E Lumanesimo Romano Nel Secondo Quattrocento è un libro di Bianchi Rossella edito da Storia E Letteratura a settembre 2004 EAN. Erasmo e lumanesimo romano da DAscia, Luca: Olschki. Descrizione. Umanesimo tardoantico. Lultimo dei romani e la consolazione della saggezza. Autore: Fabio Troncarelli. Pagine: 158. Formato: 15×21 cm. Umanesimo romano. Bartolomeo Platina, figura di spicco dellumanesimo romano del secondo ed in questa occasione vennero anche addebitate al Platina e agli altri umanisti.


...
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →